Archivi categoria: Net Valley

Sampeyre ed il digital divide

Banda larga. Ecco i termini del servizio

Mercoledì sera in Comune si è tenuta la presentazione del servizio di banda larga proposto da BBbell. E’ quel fornitore affidabile che tanto manca al nostro territorio. Le tariffe proposte sono concorrenziali e la fama della qualità del servizio offerto (chiedere agli utenti di Brossasco) permetterebbero finalmente di disporre di una connessione veloce e soprattutto, stabile. Va tenuto presente anche che è possibile con 5 € supplementari al mese di portare il vostro attuale numero fisso su VOIP (insomma su internet) permettendovi di svincolarvi dal canone Telecom.
Quanto alle tariffe, ve ne sono per tutte le tasche e per tutte le necessità. Quelle elencate nei documenti lasciati a disposizione in Comune, sono quelle ritenute più interessanti per la maggioranza degli interessati, ma ve ne sono altre decine… basta chiedere al loro rappresentante commerciale per il nostro territorio:
Giuseppe Bertero
Tel. 334 679 8422
Le offerte sono valide fino a fine novembre. Va da se che bisognerà cercare di sottoscrivere 35/40 contatti affinché l’installazione dei ripetitori possa ripagarsi e quindi che vengano installati. Dunque se volevate farvi un regalo per Natale, ora sapete cosa regalarvi.

Onde evitare le solite dietrologie, dico subito che l’unico interesse che ho in questa storia è quello di poter (finalmente) lavorare con un unico fornitore affidabile invece di avere un wifi a mezzo servizio più Alice di scorta, ambedue da pagare…
A buon intenditor.. 🙂

I perché di un no.

Qualche giorno fa ho avuto un contatto con un consigliere dell’Associazione Lu Rure per discutere del tema del sito rore.it e del suo futuro. In pratica mi si chiedeva la disponibilità dell’utilizzo del sito da parte dell’Associazione.
Siccome il risultato del colloquio è stato una fumata nera, mi preme spiegarne bene per iscritto i diversi perché, come metodo di prevenzione dai soliti “si dice”.

Innanzi tutto un pochino di storia del sito.
Creato nel gennaio del 2010 e messo on line ad aprile, era nato come un piccolo portale dedicato a Rore, alle sue attività, alla sua storia ed alla sua promozione. Il progetto prevedeva la collaborazione degli abitanti (almeno di quanti potevano andare in rete) che avrebbero contribuito con contenuti ed idee. Lo scopo finale del sito doveva essere quello di valorizzare Rore, creando di conseguenza valore per tutti i suoi abitanti.
Purtroppo il progetto non teneva conto del fatto che la cultura della condivisione, alla base del buon funzionamento di qualsiasi progetto internet, non era nelle corde dei miei compaesani. Il risultato è che, ad oggi, tutti i contenuti sono stati inseriti dal sottoscritto ed a parte la collaborazione di chi mi ha fornito alcune immagini, la partecipazione è stata zero. Fin qui il pregresso.

Ora, dopo che di mezzo ci sono state la questione WiFi e le elezioni e che i rapporti tra me ed alcuni esponenti dell’Associazione si sono conseguentemente deteriorati, mi è stato chiesto di cedere rore.it all’Associazione. Il che sarebbe abbastanza buffo, considerato quanto queste stesse persone hanno creduto nel sito fino ad oggi, se non fosse che l’utilizzo che se ne vuole fare è ancora una volta a favore di alcuni e non di tutti.
Infatti il sito rappresenta (o per lo meno vorrebbe rappresentare) Rore nella sua interezza e quindi non vuole e non può essere il sito della sola Associazione, come mi è stato prospettato. Anche perché ci sono finalità diverse, dato che la promozione di Rore non rientra nello Statuto dell’Associazione (almeno così mi è stato detto e non avendone copia a mano non posso che crederci).

Ci sono poi motivi più banalmente tecnici.

Il sito è registrato a mio nome, dunque ne sono legalmente responsabile. Cederne il controllo mi renderebbe vulnerabile alla prima eventuale “stupidaggine” che verrebbe fatta (e ai neofiti della rete capita spesso di farne, anche se involontariamente).

Il dominio rore.it è d’altra parte unico. Ed a mio avviso va utilizzato per il paese. L’Associazione si chiama Lu Rure, non Rore, dunque per motivi di coerenza semantica, sempre più importante per i motori di ricerca, sarebbe anche un errore strategico utilizzare l’attuale dominio per l’Associazione.

Il CMS (il software che serve a far “girare” il sito) utilizzato è di alto livello e permette di gestire contenuti anche complessi. È stato inoltre customizzato appositamente per una struttura ben definita. In parole povere è stato preparato per il suo funzionamento come portale promozionale. Convertirlo in un sito prevalentemente statico (in pratica quello che in gergo internet viene definito un “sito vetrina”) sarebbe un po come usare una Formula 1 per andare dal tabaccaio. Considerato il costo del software e le ore di lavoro che ci sono volute per realizzarlo, sarebbe uno spreco inutile.

In conclusione. Al di là del fatto che per collaborare bisogna che ci sia fiducia reciproca, cosa che al momento mi pare manchi (d’altra parte non sono io che ho preso per scemo il prossimo), credo di aver assunto la decisione più corretta per tutti i roresi, conservando un dominio che resta a disposizione del paese nella sua interezza.

Da “tecnico”, posso solo consigliare all’Associazione di registrare un proprio dominio. Suggerirei lurure.org che mi pare sia disponibile e che ben si adatta ad un Associazione Culturale. Se poi servirà un aiuto di tipo tecnico per metterlo in piedi, ben volentieri darò una mano.